Home Theatre vs Soundbar: quale scegliere? E perchè?

Marco Villata 24/1/2023 | Aggiornato il 24/1/2023

Cosa scegliere tra Soundbar e Home Theatre

Stile e semplicità sono due aspetti che tutti noi ricerchiamo all'interno delle nostre case.

I prodotti per l'home entertainment e in particolare i diffusori sonori sono diventati più piccoli e più ricchi di funzioni rispetto al passato. E questo ha reso possibile coniugare la semplicità e lo stile con una qualità audio fantastica.

Ma le soundbar sono valide?

Sono realmente paragonabili ai sistemi home theatre completi?

Con questo articolo cerchiamo di rispondere alle domande più frequenti che i consumatori si pongono e andremo ad analizzare i pro e i contro di ogni sistema, per darvi gli strumenti giusti per capire quale soluzione sia più adatta alle vostre necessità.

Menu navigazione

Soundbar Samsung con SubWoofer

Cosa è una soundbar

Cominciamo dalle basi: cosa è una soundbar? Una soundbar non è altro che un sistema di diffusori, dalle dimensioni contenute, da collocare immediatamente sotto lo schermo del TV che riesce a dare un'esperienza audio decisamente coinvolgente e superiore sia per potenza del suono che per qualità ai diffusori integrati nel TV stesso.

Si nota subito la differenza rispetto ad un sistema surround tradizionale, che è caratterizzato da più cavi e da più diffusori, le soundbar sono quindi il sistema più semplice e meno ingombrante per farvi provare un'esperienza sonora coinvolgente nel vostro salotto.

Come funziona una soundbar?

Le soundbar sono costituite da un gruppo di diffusori e amplificatori accorpati in un unico involucro compatto, sottile e possibilmente elegante. Alcune soundbar, ma sono la minoranza, possono includere diffusori aggiuntivi da porre vicino al divano, questi diffusori aggiuntivi servono a creare un'esperienza più coinvolgente con un suono 3D. Le soundbar, rispetto a sistemi home cinema tradizionali, hanno dimensioni ridotte e questo rende impossibile che contengano un diffusore esterno per gestire i bassi, proprio per questo motivo, spesso si include un diffusore subwoofer esterno che possa gestire i bassi e i suoni profondi. Esistono tecnologie come Dolby Atmos e DTS:X che vi permettono di immergervi nei vostri contenuti preferiti, che si tratti di giochi, film, musica.

Non è certo un mistero....

Oggi i i televisori sono più grandi e sottili che mai, ma questa ricerca del design e del TV più sottile possibile ha portato a un difetto enorme: i TV attuali sono tutti dotati del suono più terribile che possiate immaginare!

Quindi per chiunque non desideri accontentarsi un sistema home entertainment che si rispetti non può prescindere da dei diffusori degni della qualità dell'immagine e della dimensione dello schermo. Chi è alla ricerca di una soluzione semplice, facilmente installabile e che occupi poco spazio si indirizza verso l'acquisto di una soundbar, ed è pe r questo che le soundbar sono diventate così popolari negli ultimi anni.

In effetti questa sembra la scelta più ovvia.

Ecco tutti i motivi per cui le soundbar sono così popolari:

SoundBar: i vantaggi

Sono compatte e sono all-in-one

Cominciamo con il punto di forza: le soundbar sono sottili e compatte e sono facili da installare, grazie alla loro filosofia all-in-one. La soundbar ha al suo interno tutto quello che serve:amplificatore, diffusori e il resto dell'hardware. Questa loro compattezza le rende facilmente collocabili in salotto e poco visibili e tutto sommato hanno generalmente un bel design.

Meno cavi necessari

Le soundbar hanno bisogno di pochissimi cavi e collegamenti, generalmente un cavo per l'alimentazione eun cavo per il collegamento, che sia HDMIo ottico. Non c'è bisogno di nient'altro, l'assenza di cavi dall'unità di amplificazione ai diffusori le rende più semplici e meno invadenti.

Offrono una buona quantità di funzioni

Molte soundbar sono dotate anche di connettività Bluetooth, questo le rende particolarmente appetibili per chi desidera riprodurre la propria musica in streaming dal proprio cellulare in modalità wireless.

Di solito sono disponibili anche con subwoofer aggiuntivo

Una carenza delle soundbar è data dai bassi, questi sono virtual menti assenti a causa della forma e delle dimensioni dei coni, per questo motivo , molti prodotti sono venduti anche con una elemento esterno, una cassa subwoofer per l'appunto, che ovvia a questa lacuna. Questo torna molto utile se si desidera un suono più ampio con maggiore emozione e immersione nello spettacolo.

L'audio è soddisfacente

Si può rimanere stupiti della potenza sonora di una soundbar, dopotutto a primo acchito, si tratta di un elemento piccolo e sottile. I diffusori infatti producono un suono più forte e di gran lunga migliore delle piccole casse presenti all'interno della YV, il cui suono se confrontato risulta ovattato e poco coinvolgente. Questa qualità audio è anche di aiuto per chi ha problemi uditivi e fatica a interpretare i dialoghi provenienti dal TV.

Soundbar: gli svantaggi

I coni diffusori sono piccoli

Partiamo con il primo limite: a causa delle dimensioni ridotte i coni dei diffusori sono estremamente piccoli, la loro funzione è quella di fare vibrare l'aria per produrre il suono; e questo è un enorme svantaggio perché rende fisicamente impossibili ai coni riprodurre certe frequenze.

Questo si nota particolarmente nei toni medi e bassi e compromette la qualità dell'uscita audio, suoni profondi come certe voci maschili oppure la resa del suono di alcuni strumenti a corda risulterà non realistica e di scarsa qualità, quindi chi acquista una semplice soundbar deve sapere che sta scendendo a compromessi

Più sia alza il volume più la distorsione dei suoni medi e bassi sarà evidente.

Hanno un suono 3D scadente

La sua collocazione è un problema, dovendo stare sotto il televisore e trattandosi di una singolo device la resa di un buon suono stereo è virtualmente impossibile, è vero alcune soundbar sono progettate per simulare la resa stereo calcolando il rimbalzo del suono, ma a causa di variabili come la dimensione della stanza la presenza di ostacoli fisici come mobili si tratta di un'impresa impossibile.

Un suono stereofonico si ha quando il nostro sistema uditivo percepisce suoni da diverse direzioni, per questo se si dispongono sorgenti sonore in una stanza attorno a chi ascolta si genera una percezione sonora 3D credibile, e questo obiettivo non è raggiungibile con una soundbar.

Il limite delle soundbar che cercano di ottenere questo risultato facendo rimbalzare i suoni è legato appunto alle dimensioni della stanza, agli eventuali ingombri e alla posizione di chi ascolta. E anche nella stanza perfetta che sia completamente vuota il risultato non è paragonabile a quello reso da diffusori multipli posizionati in tutta la stanza.

A volte avere pochi cavi può essere un problema

Il fatto di avere pochi cavi, sembra sicuramente una buona cosa: meno cavi ugluale meno disordine, meno possibilità di inciampare e semplicità di gestione.

Questo implica che le soundbar essendo prodotti all in one, spesso non hanno porte in entrata aggiuntive e può capitare di dover collegare altri device e si scopre che questo non è possibile.

Se la soundbar ha solo 2 porte hdmi e volete collegare un giradischi o un proiettore questo potrebbe essere un problema.

Molte soundbar sono addirittura prive di collegamento AUX.

I subwoofer aggiuntivi possono essere sopravvalutati

Non c'è molto da dire nelle soundbar mancano completamente i subwoofer.

Come detto in molti casi si può integrare un subwoofer aggiuntivo, ma questo risolve realmente il problema dei bassi?

Quindi? Qual è il problema di questi subwoofer?

Questi altoparlanti hanno quasi sempre coni di allentati. E questo causa un fastidioso effetto rendendo i bassi rimbombanti.

Ad un primo ascolto i bassi rimbombanti possono sembrare un'ottima cosa, ma possono fare sembrare che i toni bassi siano sempre presenti e annegare gli altri suoni della musica o durante un buon film, disturbando la percezione del suono.

È decisamente costoso realizzare un cono di diffusore che sia grande e stretto, e, in realtà, questo è l'unico modo per ottenere un subwoofer di alta qualità e incisivo.

Se stai pensando di acquistare una soundbar, potresti trovare utile la nostra guida dedicata: Come scegliere la soundbar giusta per le tue esigenze oppuere leggi i nostri consigli e scopri quali sono le migliori soundbar secondo la nostra analisi.

Un esempio di sistema home theatre

Cosa è un sistema home theatre

Home theatre è un termine generico che si riferisce alla tecnologia combinata per ricreare l'effetto di una vera e propria sala cinematografica nel salotto di casa. Quando si parla specificamente di sistemi home theatre, si tratta in realtà di ricreare le condizioni per la proiezione del film stesso, in particolare la resa audio.

Ciò significa che, nel 2023, il sistema home theatre medio sarà composto da un grande schermo TV 4K, da un lettore Blu-Ray 4K e, sì, da un numero sufficiente di altoparlanti per un'esperienza sonora surround coinvolgente.

Come accennato in precedenza, i sistemi audio surround più comuni tendono a essere 5.1, ma è possibile aggiungere molti altri diffusori se lo si desidera, esistono configurazioni talmente complesse da richiedere dieci o più diffusori, con alcuni che vendono addirittura installati sul soffitto per sfruttare al meglio i film codificati con Dolby Atmos.

Cosa significa 5.1?

5.1 è il nome comune dei sistemi audio multicanale con suono surround a sei canali. Il 5.1 è, sicuramente, oggi il setup più comunemente utilizzato sia nei cinema commerciali che negli home theatre. In questa configurazione vengono utilizzati canali a piena larghezza di banda e un canale per gli effetti a bassa frequenza. Tra i sistemi più comuni 5.1 troviamo: Dolby Digital, Dolby Pro Logic II, DTS e SDDS. 5.1 è lo standard audio surround delle trasmissioni digitali e della musica.

I sistemi 5.1 utilizzano questa configurazione di altoparlanti:

  • Un Anteriore sinistro
  • Un Anteriore destro
  • Un Diffusore centrale
  • Un Posteriore sinistro
  • Un Posteriore destro
  • Un Subwoofer

Preparare questo tipo di sistema ad hoc per la vostra stanza richiede senza dubbio tempo, pazienza, know-how e, ovviamente, denaro, ovviamente, se siete degli appassionati occasionali di cinema e entertainment, esistono soluzioni all-in-one che contengono il necessario, dai diffusori all'amplificatore al subwoofer. Certo si tratta di una soluzione meno performante, meno flessibile, ma decisamente economica rispetto al fai da te, sicuramente sono più facili da configurare e in cui ogni componente è sicuramente compatibile con il sistema.

Per home theatre si intende un'unità principale di qualche tipo (un ricevitore/amplificatore AV) che alimenterà diffusori separati in diversi della stanza.

Quando si decide di optare per una configurazione home theatre e surround tradizionale, si tratta di:

  1. Separare i diffusori per ottenere un suono 3D e un'immagine stereo eccellenti.
  2. Consentendo l'uso di coni/diffusori più grandi, che miglioreranno le prestazioni dei suoni di gamma media.
  3. Permettere un ricevitore che offra una grande flessibilità in termini di connessioni, ingressi e uscite, facilità di controllo e controllo tramite Bluetooth e app.

Siccome i cavi per i diffusori devono essere stesi, è bene pianificare con cura la posizione di ogni diffusore, per poi stendere i fili e se vi impegnerete questi potrebbero risultare quasi invisibili.

I diffusori saranno parecchi: si va da due fino a sette o dieci, quindi saranno elementi visibili nella stanza, è bene pensare anche all'aspetto estetico dei diffusori quando si sceglie un home theatre.

Home Theatre: i vantaggi

Di seguito presentiamo i vantaggi di un impianto home theatre a più diffusori:

Una vera esperienza cinematografica

Quando si dedica tempo e denaro alla creazione del proprio home theatre, si è in grado di personalizzare la propria esperienza di visione. Dalle dimensioni dello schermo alla profondità dei sedili e tutto il resto, il controllo è nel palmo della vostra mano!

E ancora meglio? È tutto vostro! Non dovete preoccuparvi di estranei che parlano, mandano messaggi e rovesciano popcorn ovunque. La vostra famiglia invece? Questa è un'altra storia...

L'acustica è eccellente

Un home theatre dedicato è uno spazio chiuso, imbottito di pannelli acustici che offrono una ricca esperienza di suono surround.

Un home theatre chiuso e dedicato consente inoltre di tenere il suono fuori dalle altre aree della casa. Un membro della famiglia potrebbe organizzare una maratona di film horror nella sala, mentre un altro membro della famiglia sta bevendo una tranquilla tazza di tè nella stanza della famiglia. Un home theatre consente di mantenere l'azione in uno spazio separato e chiuso, invece di far dominare la zona giorno principale.

Mantiene il suo valore nel tempo

Soprattutto nel mercato delle case di lusso la presenza di un Home Theatre o di una sala cinema è considerata un plus e rende più appetibile l'immobile.

Invece in una casa di dimensioni medio-piccole, un home theatre potrebbe avere un effetto opposto sui potenziali acquirenti. Infatti la presenza di casse e amplificatori fissi può impattare sugli spazi e sull'arredamento e i nuovi acquirenti potrebbero trovare più opportuno utilizzare diversamente gli spazi.

Il massimo della qualità e del lusso

Un home theatre completamente customizzato e integrato nel vostro sistema di entertainment è sicuramente il massimo del lusso in casa di ogni appassionato di cinema. Sia che si tratti di una maratona della vostra serie preferita che che vi vogliate gustare un film pluripremiato agli oscar, questo è il miglior modo di farlo, e, una volta provato, non tornerete più indietro.

Home Theatre: gli svantaggi

Un buon sistema home theatre può rappresentare una spesa non da poco, soprattutto se parliamo di un sistema completamente customizzato per le vostre necessità. Tutti pensiamo sempre di essere autosufficienti, ma , se non siete proprio degli esperti avrete probabilmente bisogno dell'assistenza di un professionista per scegliere il kit giusto e procedere ad una installazione corretta.

Costo elevato

Anche l'home theatre più semplice se customizzato costa un bel po'. Se poi si desidere customizzare ulteriormente l'esperienza con poltrone luci per costruire eun vero e proprio cinema a casa, la spesa diventa esorbitante.

Per evitare di spendere troppo potete indirizzarvi verso sistemi home theatre all.in.one, ossia con una struttura di diffusori preimpostati per il 5.1, non sarà il top per quanto riguarda l'acustica, ma avrete un sistema superiore rispetto agli altoparlanti tv e alle stesse soundbar a un costo accessibile.

Mancanza di flessibilità

Se un home theatre è appositamente impostato per la visione di film, la resa sarà fantastica, ma proprio questa loro estrema configurazione li rende difficili da utilizzare e poco performanti per qualsiasi altra funzione, come, ad esempio l'ascolto della musica.

Quali differenze tra Soundbar e Home Theatre?

Quindi quali sono le differenze reali tra Home Theater e Soundbar? in quali casi l'ana è preferibile all'altro?

Nella tabella sottostante potete trovare alcuni parametri e analizzare le differenze tra i vari sistemi audio per valorizzare la vostra TV:

Tabella di confronto

Soundbar Home theatre all-in-one Home theatre Custom
Meglio dei diffusori TV
Niente scatole grandi No
Pochi componenti Dipende No
Facili da spostare Abbastanza No
Creazione di un suono 3D No
Distorsione minima quando si suona ad alto volume No No
Ricchezza e chiarezza No
Nessun cavo visibile No No

Soundbar e Home theatre: quale scegliere?

Soundbar o Home Theatre, quale dovresti comprare?

La risposta è dipende...

Come abbiamo visto in questo articolo, ci sono difefrenze tra i due sistemi sia a livello di prestazioni sia livello di costo e di resa.

Eco le domande che dovresti porti prima di comparare:

  • Quanto voglio spendere?
  • Quanto spazio ho a disposizione?
  • Quanto è grande il mio salotto?
  • Che programmi guardo in Tv
  • Mi serve anche per il gaming?
  • Che know how ho in campo di audio?

Partiamo dalle dimensioni del TV, se hai un tv piccolo o di medie dimensioni, dai 32 ai 50 pollici, probabilmente la scelta migliore è quella di una SOundbar, conterrà i prezzi, ma avrai un sonoro decisamente superiore a quello dei diffusori del tuo TV, ricordati che i bassi sono praticamente assenti in una soundbar, e la presenza di un diffusore subwoofer è consigliabile, pur con tutti i suoi limiti.

Anche le dimensioni della stanza sono importanti, la presenza di più diffusori è invasiva e occupa spazio, per non parlare di tutti i cavi che ne conseguono, se la stanza è piccola l'home theatre potrebbe essere troppo invasivo per te.

Se in Tv eguardi solo reality show, telegiornali e poco cinema, probabilmente un home theatre è inutile per te, puoi optare per una soundbar per sfruttarla per aver eun suono più chiaro.

Se il cinema è la tua passione e desideri avere un'esperienza coinvolgente e appagante allora non ci sono dubbi: la tua scelta è l'home theatre, i sistemi con configurazione 5.1 e 7.1 garantisco prestazioni audi di alta qualità e un'esperienza sonora ampia e immersiva.

Se sei un gamer entrambe le soluzioni sono valide, io non amo le soundbar con subwoofer con i videogiochi i bassi sono spesso troppo preponderanti e oscurano il resto del sonoro.

Altre alternative

Diffusori amplificati: Ormai in commercio si trovano un numero sempre crescente di diffusori amplificati sviluppati appositamente per colmare il divario tra home theatre e soundbars.

Cuffie: Se ami goderti in pace un buon film, lontano dal caos della famiglia puoi considerare anche l'acuisto di un buon paio di cuffie bluetooth che possono garantire un suono 3D ormai molti smart tv hanno collegamenti bluetooth quindi sarai libero dai fili. Questa scelta è valida anche nello scenario opposto, se ami il volume alto e non vuoi disturbare chi ti sta intorno questa è la scelta per te..

Domande frequenti

Come si collega il Fire TV Stick all'home theatre?

Innanzitutto, collegare il televisore o il proiettore a una porta HDMI ARC del ricevitore AV. Quindi, collegare il Fire TV Stick Amazon a una porta HDMI del ricevitore.

Come posso riprodurre l'audio della TV attraverso il mio sistema home theatre?

Su alcuni televisori, è possibile far passare dei cavi RCA dal televisore all'ingresso del sistema di altoparlanti e impostare l'uscita audio dalle impostazioni del televisore. Se invece preferisci non avere cavi sappi che tutti i sistemi moderni supportano il Bluetooth, verifica solo che il sistema home theatre lo supporti.

Qual è il calibro dei cavi per diffusori migliore per un home theatre?

Dei buoni cavi per i diffusori possono fare la differenza in termini di qualità audio. Ad esempio, i cavi di calibro inferiore sono più spessi e presentano una minore resistenza. In realtà per la maggior parte delle configurazioni home theatre, è sufficiente un normale cavo da 16 gauge.

Commenti