Come scegliere la soundbar giusta per le tue esigenze

Marco Villata 12/10/2022

Cosa è e come scegliere una soundbar

Avete notato che, per quanto le smart TV diventino sottili e colorati, c'è sempre una differenza notevole tra la qualità dell'immagine scintillante di un nuovo schermo piatto e le sue prestazioni audio ovattate? Questo perché quasi tutti i televisori moderni, indipendentemente dalle dimensioni, hanno altoparlanti di qualità inferiore nascosti in cornici sempre più sottili. Ma fortunatamente, la semplice aggiunta di una soundbar (o sound bar, se preferite) alla vostra configurazione è un modo semplice per ottenere un'esperienza visiva più coinvolgente, chiara e piacevole.

La maggior parte delle soundbar racchiude un audio impressionante in un pacchetto autonomo abbastanza piccolo da essere posizionato davanti o sotto lo schermo. Le migliori soundbar per TV sono diffusori singoli e capaci, che non necessitano di surround o subwoofer aggiuntivi per affollare la stanza. Tuttavia, se lo si desidera, è possibile espandere l'installazione con un sistema surround più esteso, oppure sono disponibili sistemi completi a più casse che si collegano in modalità wireless, in modo da non avere cavi sparsi per il salotto che possano costituire un pericolo di inciampo.

Menu navigazione

Cos'è una soundbar e ne avete veramente bisogno per il vostro televisore?

Recentemente le soundbar sono diventate di gran moda. Questo grazie alla loro leggerezza, alla forma sottile e all'esperienza sonora davvero straordinaria. Ma forse vi starete chiedendo:

Che cos'è esattamente una soundbar?.

Ecco tutto quello che c'è da sapere.

Che cos'è una soundbar?

Una soundbar è in genere un sistema di diffusori sottile e di forma oblunga che contiene diversi diffusori singoli affiancati. Può essere montata a parete sotto il televisore o posizionata sul supporto del TV per potenziare i diffusori integrati.

I vantaggi di una soundbar

  • Immemrgetevi nel suono: Anche se non si tratta di un vero e proprio suono surround (per saperne di più), la tecnologia delle soundbar le rende un degno rivale dei sistemi di diffusori tradizionali.
  • Musica senza fili: Trasmettete in streaming direttamente dal vostro smartphone (se la soundbar è dotata di Bluetooth) per godervi un mini-party in salotto.
  • Un'esperienza audio migliore: Anche se funzionano, i diffusori integrati nel televisore non offrono una qualità audio eccellente. Con una soundbar, la differenza si sentirà immediatamente.
Esempio posizionata a  muro soundbar sotto TV

Dove posizionare la soundbar?

Idealmente, la soundbar dovrebbe essere posizionata direttamente di fronte a voi, all'altezza delle orecchie. Se montate la soundbar, assicuratevi che sia libera da ostacoli per non ostacolare il suono. Non volete il fastidio di forare e avvitare? Basta posizionare la soundbar sul supporto del televisore e il gioco è fatto.

Soundbar e audio surround: qual è la differenza?

Non sapete qual è la differenza tra una soundbar e un sistema audio surround tradizionale? Non temete, siamo qui per chiarirvi le idee.

La differenza principale è la dimensione. Le soundbar si posizionano comodamente sotto il televisore, mentre i sistemi audio surround si distribuiscono nella stanza, occupando molto più spazio. Inoltre, i diffusori surround possono aggiungere molti cavi inutili alla casa. Le soundbar sono state progettate per essere utilizzate con uno o due soli cavi. È sufficiente collegare la soundbar al televisore e nascondere i fili: perfetto!

Per quanto riguarda la qualità dell'audio, non c'è una grande differenza. I sistemi audio surround offrono un vero suono surround, con l'audio proveniente da diverse parti della stanza. Con le soundbar, invece, la tecnologia al loro interno fa sembrare che il suono provenga da ogni parte. Anche se in realtà non è così, il cervello è indotto a pensare che lo sia.

Come scegliere la soundbar per TV più adatta a voi

Prima dell'acquisto, ci sono alcune cose da tenere a mente. Considerate le dimensioni del vostro televisore per capire quanto deve essere grande la vostra nuova soundbar. Non si vuole che sia sovrastata dallo schermo, ma d'altra parte potrebbe sembrare strano abbinare una barra massiccia a un televisore piccolo, come una testa minuscola appollaiata su spalle troppo larghe. Cercate le dimensioni e confrontate la larghezza della barra con quella del vostro televisore. Inoltre, controllate l'altezza: se dovete posizionare la soundbar davanti al televisore, non volete che oscuri metà dell'immagine, e se ha driver che puntano verso l'alto, per essere efficaci devono avere una linea di vista chiara sul soffitto.

In genere, le soundbar sono costituite da un unico diffusore lungo con diversi driver all'interno, ma alcune sono dotate di subwoofer esterni per una maggiore estensione delle basse frequenze e di diffusori posteriori per gli effetti surround, mentre altre sono compatibili con altri diffusori del marchio del produttore. Se i bassi da far tremare il pavimento sono tra le vostre priorità, questi sono i modelli da prendere in considerazione.

Poi, le caratteristiche e la connettività. Molte soundbar moderne dispongono di porte HDMI abilitate ARC ed eARC, in grado di gestire formati audio multicanale ad alta larghezza di banda, nonché di ingressi ottici per i televisori più vecchi. Se il televisore è dotato di ARC/eARC, sarà possibile controllare il volume della soundbar con il telecomando esistente. Vale la pena di valutare se per voi è importante avere un telecomando fisico separato per la soundbar o se vi sentite a vostro agio nel controllare le impostazioni da un'applicazione per smartphone.

La maggior parte delle soundbar moderne dispone di alcune opzioni per la riproduzione musicale wireless con streaming wifi tramite servizi come Airplay 2, Spotify Connect e Chromecast, oltre alla connettività Bluetooth. Alcune dispongono anche di microfoni con funzionalità o compatibilità con l'assistente vocale. Se avete dispositivi esterni come console di gioco o un lettore Blu-ray 4K, tenete d'occhio le porte HDMI passthrough aggiuntive che potrebbero rendere più flessibile la vostra configurazione.

Se non si vuole solo migliorare l'audio del televisore, ma si desidera acquistare una soundbar che produca un'esperienza di home cinema coinvolgente, è bene prestare attenzione ai modelli in grado di gestire l'audio Dolby Atmos e DTS:X. Alcune soundbar sono in grado di gestire l'audio Dolby Atmos e DTS:X virtualmente grazie all'elaborazione, mentre altre sono dotate di diffusori che sparano verso l'alto per ottenere effetti di altezza. Se siete interessati a quest'ultima opzione, è importante ricordare che il risultato sarà migliore se avete soffitti bassi su cui far rimbalzare il suono e che la parte superiore della soundbar deve essere scoperta e posizionata lontano dallo schermo del televisore.

Se l'audio 3D di alta qualità è importante per voi, assicuratevi che sia il televisore che la potenziale soundbar supportino Dolby TrueHD ed eARC. Lo standard ARC è in grado di gestire il Dolby Atmos, ma solo nella sua forma Dolby Digital Plus, che è a perdita, mentre il Dolby TrueHD è in grado di fornire il Dolby Atmos full-fat in tutta la sua gloria senza perdita.

Pensate ai contenuti che guarderete e alle sorgenti che collegherete. Se guardate solo Freeview, molte di queste tecnologie saranno superflue. Ma se state trasmettendo in streaming contenuti del calibro di Netflix, Apple TV e Amazon Prime Video in 4K HDR, vorrete spremere la migliore qualità audio possibile per assicurarvi che il vostro contenuto suoni bene come sembra. Per una panoramica completa, consultate la nostra guida su come scegliere e configurare una soundbar.

Caratteristiche da tenere in considerazione:

  • Bluetooth per la musica - Le soundbar possono essere ideali sia per la musica che per la TV e i film. Per passare dall'ultima abbuffata di Netflix a una playlist di festa su Spotify, scegliete un modello con Bluetooth integrato.
  • Controllo vocale - Molte soundbar fungono anche da altoparlanti intelligenti. Con assistenti vocali come Google Assistant e Amazon Alexa integrati, non c'è limite a ciò che la soundbar può fare.
  • Impostate promemoria, pianificate il vostro programma, richiedete un brano o ascoltate le ultime notizie.
  • Dolby Atmos - Questa tecnologia intelligente combina il tracciamento degli oggetti (in cui il suono segue l'azione sullo schermo) con diffusori upfiring (diffusori rivolti verso l'alto). Il Dolby Atmos rende ancora più coinvolgente e realistico ciò che guardate.
  • Multi-room - Volete continuare a sentire la canzone mentre vi spostate da una stanza all'altra? Alcune soundbar possono essere collegate a sistemi multiroom wireless, tutti controllati da un'unica app.
  • Subwoofer esterni - Volete sentire l'atmosfera dello stadio il giorno della partita? Scegliete una soundbar con un subwoofer separato. Il subwoofer gestisce tutti i suoni a bassa frequenza che gli altri diffusori non sono in grado di gestire, offrendo l'intera gamma audio proprio come previsto dai progettisti del suono.

Le Soundbar devono essere della stessa marca del televisore? Devono essere abbinati?

Le soundbar devono essere della stessa marca del televisore?

Non è necessario abbinare i marchi della soundbar e del televisore. Detto questo, ci sono una serie di vantaggi, come la sincronizzazione con un solo telecomando, la corrispondenza delle caratteristiche audio, la compatibilità del design ed eventualmente altre caratteristiche speciali.

In rete si trovano pochissime informazioni al riguardo. Dopo aver fatto delle ricerche approfondite, abbiamo deciso di verificare cosa dicono Samsung e Sony per chiedere informazioni in merito. Le notizie che i marchi riportano da entrambi i marchi sono state informative e interessanti.

Samsung TV con Soundbar stessa marxa più Subwoofer

Cosa dicono i marchi

La prima cosa da ricordare è che i marchi sono inclini a insistere sull'acquisto di altri prodotti. Sebbene queste informazioni siano molto utili, tenete presente che molte delle migliori soundbar non sono affiliate a marchi che producono televisori.

Cosa dice Sony sull'abbinamento tra Soundbar e TV

Uno dei punti iniziali su cui si sofferma Sony è che la soundbar supporta il Dolby Atmos, con cui sono compatibili anche molti degli ultimi modelli di televisori. Sebbene si tratti di una funzione comoda, è importante notare che altri marchi dispongono di prodotti abilitati al Dolby Atmos.

La funzione Bravia Sync è una funzione di sincronizzazione di un singolo telecomando tra alcuni dispositivi Sony che consente di impostare facilmente un unico telecomando per l'intero home theater. L'ultima osservazione del rappresentante è stata che è possibile ottenere porte eARC abbinate a soundbar e televisori compatibili.

Anche questo non è un prodotto esclusivo del loro marchio. Per riassumere, l'unica cosa che era completamente specifica per il marchio Sony è il Bravia Sync. A parte questo, sembra che il vantaggio maggiore sia la facilità di compatibilità. Se si acquista una nuova soundbar Sony, è più probabile che si adatti perfettamente a uno dei suoi nuovi televisori.

Cosa dice Samsung sull'abbinamento tra soundbar e televisore

Passiamo ora alle informazioni fornite da Samsung. Samsung si sofferma su un'opzione di sincronizzazione a distanza singola chiamata OneRemote. Un'altra caratteristica interessante è stata chiamata Autopower Link, che accende automaticamente la soundbar quando si accende il televisore.

Come Sony con il Dolby Atmos, si cita un'esperienza sonora DTS che può essere eguagliata dai prodotti di altri marchi.

Samsung afferma anche, in modo molto generico, che l'interfacciamento tra le soundbar e i televisori avviene senza soluzione di continuità e che non si verificano problemi di connessione. Complessivamente, sembra molto simile ai vantaggi dichiarati da Sony, in quanto molti dei bonus possono essere abbinati ad altri marchi, tranne che per la facilità delle funzioni di sincronizzazione.

Quindi? Le Soundbar devono essere della stessa marca del televisore?

Quindi, qual è il risultato complessivo? Se la facilità di sincronizzazione è importante per voi, allora potrebbe valere la pena di cercare di abbinare i marchi. Molte di queste aziende dispongono di funzioni integrate che consentono una facile sincronizzazione tra tutti i loro prodotti home theater.

L'alternativa sarebbe un telecomando universale, che richiede una configurazione e una serie di tentativi ed errori. L'altro vantaggio è la facilità di compatibilità. È molto facile parlare con un rappresentante e farsi aiutare a trovare due componenti hardware compatibili in termini di caratteristiche audio, estetica e porte.

A parte questo, non ci sono molti svantaggi nell'acquistare soundbar e televisori di marche diverse. Non lasciate che questi pochi vantaggi vi impediscano di fare acquisti per ottenere la massima qualità o la migliore offerta.

Esempio soundbar curva che segue forma TV

Che dire dei televisori curvi e delle soundbar curve

Pur essendo fermamente convinto di quanto detto sopra, c'è una piccola avvertenza per i televisori curvi e le soundbar curve. Alcuni marchi hanno iniziato a creare soundbar con la stessa curvatura dei televisori.

Possono anche fungere da supporto per i televisori curvi. In teoria, il design curvo dovrebbe consentire un'immersione maggiore per lo spettatore, simile alla curvatura del televisore.

È comprensibile che queste soundbar si adattino solo alla curvatura di specifici televisori. Ciò significa che se questa è una caratteristica che vi interessa, dovrete cercare i marchi che supportano questi apparecchi. Dal punto di vista estetico, questa sembra un'opzione interessante, ma la mancanza di diversità nei prodotti è sicuramente un aspetto negativo.

Come connetter ela soundbar

Indipendentemente dal fatto che una soundbar si abbini o meno a un televisore, è importante considerare il tipo di connessione che si desidera tra loro. Una cosa da considerare è l'HDMI ARC e l'HDMI eARC. ARC è l'acronimo di Audio Return Channel.

Molti televisori moderni dispongono di una porta HDMI etichettata come porta HDMI ARC o eARC. Lo scopo di queste porte è quello di consentire all'HDMI di emettere audio, in quanto l'HDMI è stato originariamente concepito per ricevere informazioni da dispositivi esterni. Si tratta di un miglioramento rispetto alle opzioni ottiche e coassiali, in quanto riduce il tempo di ritardo dell'audio.

eARC è la versione più recente, con la "e" che sta per enhanced. Consente ai dispositivi di utilizzare funzioni audio di fascia alta come Dolby Atmos e DTS:X. Si tratta di una tecnologia piuttosto nuova, quindi trovare hardware compatibile potrebbe essere difficile e costoso.

Per far funzionare sia l'ARC che l'eARC HDMI, è necessario assicurarsi che tutto l'hardware sia compatibile. I televisori hanno una porta HDMI etichettata se è compatibile e, naturalmente, è sempre possibile consultare le informazioni sulle specifiche del dispositivo. È inoltre necessario assicurarsi che anche la soundbar disponga di questa funzionalità, così come il cavo HDMI che si utilizza tra i due.

Cosa sono Dolby Atmos e DTS:X?

Abbiamo parlato spesso di queste caratteristiche audio, ma di cosa si tratta?

Innanzitutto, per comprendere queste caratteristiche, è necessario capire i canali. Il modo più semplice per pensare a un singolo canale è quello di un singolo diffusore o di una serie di diffusori all'interno di una soundbar che coprono una zona (sinistra, destra, centrale, ecc.).

Più canali ci sono, migliore è la qualità del suono. I canali a 2 e 3 canali sono standard per la maggior parte delle soundbar, ma probabilmente non offrono un'esperienza d'ascolto straordinaria.

Non consiglierei nessuna di queste due soluzioni quando si vuole realizzare un impianto home theater o di intrattenimento domestico di alta qualità. Suggerisco di cercare una soundbar a 5 canali. Vi consiglio di leggerlo. Consiglio vivamente di leggerlo.

Ora vi chiederete: qual è il top di gamma? Le barre a 7 canali sono tra le più recenti e migliori soundbar. Se cercate la massima qualità, questo è il livello con cui iniziare la vostra ricerca.

Domande frequenti

È meglio una sound bar 2.1 o 5.1?

Le configurazioni di diffusori a 2.1, 5.1 e 7.1 canali sono opzioni per l'ascolto audio dell'home entertainment. 2.1 è l'opzione migliore per l'ascolto di sola musica e/o se si desidera una configurazione di base per migliorare l'audio del televisore senza bisogno di molti diffusori. 5.1 è l'opzione più comune per ottenere un'esperienza audio home theater.

Devo abbinare la soundbar al mio televisore?

Non è necessario abbinare i marchi della soundbar e del televisore. Detto questo, ci sono una serie di vantaggi, come la sincronizzazione a distanza, la corrispondenza delle caratteristiche audio, la compatibilità del design ed eventualmente altre caratteristiche speciali.

Qual è la differenza tra soundbar 2.1 e 3.1?

Come già sapete, la differenza principale sta nel numero di canali espressi dalla barra principale. Una soundbar 2.1 ha i canali destro e sinistro più un subwoofer che può essere integrato o esterno. Una soundbar 3.1 avrà i canali destro e sinistro, un canale centrale e lo stesso tipo di subwoofer.

È meglio avere un subwoofer con una soundbar?

Se amate guardare film d'azione o ascoltare generi musicali con bassi elevati, potreste desiderare una soundbar con un subwoofer dedicato. Un subwoofer è generalmente in grado di fornire bassi più profondi e potenti rispetto a una soundbar indipendente, aiutandovi a percepire il rimbombo profondo dei contenuti più ricchi di bassi.

Le soundbar economiche valgono la pena?

Se pensate che gli altoparlanti del vostro televisore non suonino bene e non volete spendere molto, una soundbar economica è la soluzione perfetta. Che si tratti di guardare film e programmi televisivi o di ascoltare musica in streaming tramite Bluetooth, è possibile migliorare il suono del televisore con meno di 200 euro.

I watt contano nella soundbar?

Una potenza maggiore significa un suono più forte e un campo sonoro migliore. Anche se questo può essere importante, un wattaggio elevato non significa automaticamente diffusori migliori. Dopo aver ristretto le opzioni, ascoltate le soundbar per scoprire quali hanno il suono migliore per voi.

Commenti