TV QLED vs. OLED: Quale tecnologia TV è la migliore?

Marco Villata 9/10/2022

OLED QLED confronto

Siamo alla fine del 2022 l'acquisto di un nuovo televisore è più confuso che mai. Anche i migliori televisori pubblicizzano una zuppa alfanumerica di caratteristiche come HDR, Ultra HD 4K, 120Hz e HDMI 2.1, che rendono difficile capire cosa sia effettivamente utile. Due dei termini più importanti per i televisori sono QLED e OLED. Si distinguono per una sola lettera, ma le tecnologie che descrivono sono molto diverse.

Negli ultimi anni, Samsung ha marchiato i suoi televisori come "QLED". La sua linea QLED 2022 comprende i modelli Neo QLED con risoluzione 4K e 8K, il televisore artistico The Frame, Serif e il televisore rotante Sero, tutti contrassegnati dall'onnipresente Q. E Samsung non è l'unica. Anche TCL produce televisori QLED, e Amazon ha un proprio televisore Fire TV Omni QLED.

Dall'altra parte della barricata ci sono i televisori OLED. Negli ultimi anni LG ha dominato il mercato OLED e la sua linea di TV OLED 2022 è più ampia che mai, ma anche Sony e Vizio producono TV OLED. Inoltre, Samsung ha in programma un televisore OLED nel 2022, il che significa che quest'anno venderà sia televisori OLED che QLED.

Menu navigazione

QLED vs. OLED: Riepilogo delle tecnologie TV

Cominciamo con una rapida sintesi

  • OLED sta per "organic light-emitting diode" ossia "diodo organico a emissione di luce".
  • QLED (secondo Samsung) sta per "quantum dot LED TV" ossia "TV LED a punti quantici".
  • L'OLED è una tecnologia fondamentalmente diversa dall'LCD, il principale tipo di TV.
  • Il QLED è una variante del LED LCD, che aggiunge una pellicola di punti quantici al "sandwich" LCD.
  • L'OLED è "emissivo", ovvero i pixel emettono la propria luce.
  • Il QLED, come l'LCD, è "trasmissivo" nella sua forma attuale e si basa su una retroilluminazione a LED.

Un televisore QLED non è altro che un televisore LCD con punti quantici

La conclusione principale è che il QLED è più vicino al vecchio LCD che all'OLED, che viene considerata una classe di televisori nettamente diversa, come il plasma prima di lui.

I punti quantici sono molecole microscopiche che, quando vengono colpite dalla luce, emettono una propria luce di colore diverso. Nei televisori QLED, i punti sono contenuti in una pellicola e la luce che li colpisce è fornita da una retroilluminazione a LED. La luce passa poi attraverso alcuni altri strati all'interno del televisore, tra cui uno strato a cristalli liquidi (LCD), per creare l'immagine. La luce proveniente dalla sorgente LED viene trasmessa attraverso gli strati fino alla superficie dello schermo, per questo si dice che è "trasmissiva".

Samsung utilizza i punti quantici per migliorare i suoi televisori LCD dal 2015 e ha debuttato con il marchio QLED TV nel 2017. Samsung afferma che i punti quantici si sono evoluti nel tempo, ad esempio migliorando la resa cromatica e luminosa. In realtà i miglioramenti causati da punti quantici migliori sono molto meno evidenti di quelli causati da altri fattori di qualità dell'immagine come vedremo in seguito.

Anche altri produttori di TV utilizzano i punti quantici nei TV LCD, tra cui Vizio e Hisense, ma non li chiamano TV QLED.

Vantaggi del QLED

I vantaggi del QLED sono i seguenti:

  • I punti quantici utilizzati nella costruzione del QLED resistono meglio all'umidità e quindi i prodotti basati sul QLED avranno una lunga durata.
  • È disponibile in display di dimensioni maggiori e quindi offre più opzioni ai consumatori.
  • È sottile e leggero.
  • Grazie alla maggiore resistenza all'umidità, non richiede un costoso processo di evaporazione sotto vuoto. Il costo del QLED è quindi basso.
  • I televisori basati su QLED non sono soggetti a burn-in, a differenza dei televisori OLED.
  • Il consumo energetico è ridotto. Gli schermi QLED hanno un'efficienza energetica due volte superiore a quella degli schermi OLED e offrono inoltre un miglioramento della luminosità del 30-40%.
  • La velocità di commutazione (tra ON e OFF) è molto elevata.
  • La luminosità è da 50 a 100 volte superiore a quella dei display CRT e LCD.

Svantaggi o inconvenienti dei QLED

Di seguito sono elencati gli svantaggi o gli inconvenienti dei QLED:

  • I QLED non producono luce da soli. I QLED utilizzano invece un'unità di retroilluminazione per l'illuminazione.
  • I televisori basati su QLED soffrono dell'effetto "light bleed". Questo effetto è visibile in alcune scene. Si verifica una leggera foschia intorno agli oggetti luminosi che offusca le linee che di solito dovrebbero essere nitide.
  • Con gli schermi basati su QLED, l'angolo di visione migliore è quello centrale. La qualità dell'immagine diminuisce sia nel colore che nel contrasto quando lo spettatore si sposta da un lato all'altro o tra l'alto e il basso.
  • Blu meno saturo

Un televisore OLED non è affatto un televisore LCD

L'LCD è la tecnologia dominante nei televisori a schermo piatto e lo è stata per molto tempo. È più economica dell'OLED, soprattutto nei formati più grandi, e numerosi produttori di pannelli possono produrla.

L'OLED è diverso perché non utilizza una retroilluminazione a LED per produrre luce. La luce viene invece prodotta da milioni di singoli subpixel OLED. I pixel stessi, ovvero i minuscoli punti che compongono l'immagine, emettono luce, motivo per cui viene definita una tecnologia di visualizzazione "emissiva". Questa differenza porta a tutti i tipi di effetti sulla qualità dell'immagine, alcuni dei quali favoriscono gli LCD (e i QLED), ma la maggior parte favorisce gli OLED.

Oltre ai marchi statunitensi sopra citati, Panasonic, Philips, Grundig e altri vendono televisori OLED in Europa. Tutti i televisori OLED nel mondo, compresi quelli statunitensi, utilizzano pannelli prodotti da LG Display.

Ma le cose stanno per cambiare. Samsung e Sony presenteranno presto i primi televisori OLED prodotti da Samsung Display. Promettono colori e luminosità migliori rispetto agli attuali TV OLED perché utilizzano punti quantici, proprio come i TV QLED. Chiamati QD-OLED o QD Display, all'inizio saranno sicuramente molto costosi, anche più dei televisori OLED standard, ma prima o poi i prezzi scenderanno.

Benefici o vantaggi dell'OLED

I vantaggi dell'OLED sono i seguenti:

  • Gli OLED sono flessibili e quindi è molto facile produrre display OLED o altri dispositivi OLED come telefoni cellulari, fotocamere, dispositivi indossabili ecc.
  • Utilizzano semiconduttori ad ampio gap energetico e presentano il fenomeno della radiazione di eccitoni singoletto e tripletto rispetto ai LED e agli LCD.
  • I LED consumano meno e sono adatti a dispositivi che richiedono un consumo energetico ridotto, come telefoni Android, console di gioco portatili, lettori multimediali, fotocamere digitali, ecc.
  • Garantiscono una notevole fedeltà dei colori, un'elevata efficienza e stabilità operativa.
  • Sono molto sottili e di dimensioni ridotte e quindi leggeri.

Svantaggi o inconvenienti degli OLED

Seguono gli svantaggi o gli inconvenienti dell'OLED:

  • La loro durata è più breve rispetto ad altri tipi di display. Gli OLED bianchi, rossi e verdi hanno una durata compresa tra i 5 e i 25 anni, mentre gli OLED blu hanno una durata di circa 1,6 anni.
  • È costoso rispetto agli LCD.
  • È sensibile all'acqua e quindi può essere facilmente danneggiato dall'acqua.
  • Gli schermi OLED peggiorano ulteriormente rispetto a quelli LCD se esposti alla luce diretta del sole.
  • Degradazione complessiva della luminanza.
  • Disponibilità limitata sul mercato.

Tabella di confronto: OLED vs QLED

Parametri di confronto QLED OLED
Dimensioni del TV Più opzioni di dimensioni (49-98 pollici) Solo 55 e 65 pollici. Più sottile
Gamma cromatica Molto ampia (83% di REC2020) Ampia (75% di REC2020)
Luminosità di picco 2.000 NITS 550-600 NITS
Costo Quasi sempre più economico 30-50% più costoso
Qualità dei neri Così così Nero assoluto. Il migliore possibile.
Angolo di visione ottimale Il più friontale possibile Ovunque, tranne che agli estremi

Qualità dell'immagine QLED vs. OLED

Sulla base delle mie recensioni, ecco alcuni confronti generali che ho fatto tra i due prodotti.

La qualità dell'immagine dei TV QLED varia più di quella degli OLED

Samsung e TCL hanno diverse serie QLED e quelle più costose hanno prestazioni migliori rispetto a quelle più economiche. Ciò è dovuto principalmente al fatto che i maggiori miglioramenti nella qualità dell'immagine dei televisori QLED non hanno molto a che fare con i punti quantici. Sono invece il risultato di una retroilluminazione a mini-LED, di un migliore local dimming full-array, di riflessi luminosi e di migliori angoli di visione, che li aiutano a superare i televisori QLED (e non QLED) privi di questi extra.

Nel frattempo, tutti i TV OLED che ho recensito hanno una qualità dell'immagine molto simile: tutti hanno ottenuto un punteggio di 10/10 nei miei test. Ci sono alcune variazioni tra i diversi TV OLED, ad esempio l'LG A2 con il suo pannello a 60Hz rispetto ai 120Hz di altri TV OLED, ma non sono così significative come le differenze tra le varie serie di TV QLED.

L'OLED ha un contrasto e un livello di nero migliori

Uno dei fattori più importanti per la qualità dell'immagine è il livello del nero, e la loro natura emissiva fa sì che i TV OLED possano spegnere completamente i pixel inutilizzati, per un contrasto letteralmente infinito. I televisori QLED/LCD, anche quelli migliori con il più efficace local dimming full-array, lasciano passare un po' di luce, il che porta a livelli di nero più slavati e grigi e a una fioritura intorno alle sezioni luminose.

QLED è più luminoso

I televisori QLED e LCD più luminosi possono diventare più luminosi di qualsiasi modello OLED, il che rappresenta un particolare vantaggio in ambienti luminosi e con contenuti HDR. Nei miei test, tuttavia, i TV OLED sono ancora in grado di ottenere una luminosità sufficiente per la maggior parte degli ambienti e il loro contrasto superiore consente loro di offrire un'immagine HDR complessivamente migliore rispetto a qualsiasi TV QLED/LCD che ho testato.

L'OLED ha una migliore uniformità e angoli di visione

Con i display LCD, diverse aree dello schermo possono apparire sempre più luminose di altre e la struttura della retroilluminazione può essere visibile in alcuni contenuti. Anche i migliori LCD si sbiadiscono, perdono contrasto e si scoloriscono se osservati da posizioni diverse dal punto di osservazione direttamente davanti allo schermo. I TV OLED hanno schermi quasi perfettamente uniformi e mantengono la fedeltà da tutte le angolazioni, tranne quelle più estreme.

Risoluzione, colore, elaborazione video e altri fattori di qualità dell'immagine sono sostanzialmente gli stessi.

La maggior parte dei QLED e degli OLED ha la stessa risoluzione e 4K, ed entrambi possono raggiungere anche la risoluzione 8K. Nessuna delle due tecnologie presenta grandi vantaggi intrinseci per quanto riguarda il colore o l'elaborazione video, anche se il QD-OLED potrebbe offrire colori migliori. Per maggiori dettagli, consultare OLED vs. LCD.

Un LG OLED da 97 pollici

Il QLED può diventare sempre più grande e più piccolo (e più economico)

Oggi sono disponibili sul mercato otto formati di TV OLED: da 42 e 97 pollici.

Dimensioni dei TV OLED

  • 42 pollici
  • 48 pollici
  • 55 pollici
  • 65 pollici
  • 77 pollici
  • 83 pollici
  • 88 pollici
  • 97 pollici

Nel frattempo, poiché i TV QLED sono LCD, possono essere prodotti in una gamma di dimensioni più ampia. I televisori LCD non QLED possono essere ancora più piccoli.

Dimensioni dei TV QLED

  • 32 pollici
  • 43 pollici
  • 50 pollici
  • 55 pollici
  • 58 pollici
  • 65 pollici
  • 75 pollici
  • 82 pollici
  • 85 pollici
  • 98 pollici

Leggi anche la nostra guida alle dimensioni TV: Dimensioni TV e Distanza [in pollici e centimetri]

Un grande vantaggio, per le nostre tasche, che QLED e LCD hanno rispetto a OLED è il costo degli schermi con formati superiori a 65 pollici. I televisori di grandi dimensioni sono il segmento di mercato in più rapida crescita e non mostrano segni di rallentamento. I televisori OLED da 77 pollici possono costare 2.500 euro e oltre, molto più della maggior parte dei televisori QLED da 75 pollici, e nei formati più grandi la differenza è ancora più marcata.

Esempio schermo TV OLED danneggiato dall'effetto burn-in

Cosa è il burn-in degli OLED?

Il burn-in si verifica quando una parte persistente dell'immagine, ad esempio i pulsanti di navigazione di un telefono o il logo di un canale, o il tabellone di un televisore, rimane come uno sfondo spettrale indipendentemente da ciò che appare sullo schermo. Tutti gli schermi OLED possono bruciarsi e sono più suscettibili dei display LCD, compresi i QLED.

Tutto sommato, però, il burn-in non dovrebbe essere un problema per la maggior parte delle persone. Il burn-in è tipicamente causato dall'abbandono di un singolo elemento statico dell'immagine, come il logo di un canale, che appare sullo schermo per molto tempo, ripetutamente. Questo è un problema se si tiene sintonizzato un canale per molte ore al giorno e non si guardano abbastanza altri programmi, ad esempio. Ma se si varia la visualizzazione, è probabile che non si verifichi mai il burn-in.

OLED - QLED Efficenza energetica

Uno dei punti dolenti di lunga data delle tecnologie LED tradizionali è la loro intrinseca scarsa efficienza energetica. L'emissione di luce bianca o blu attraverso una serie di filtri colorati comporta teoricamente perdite immediate di energia fino al 66%, il che significa che la vivace luminosità che deriva dalla presenza di una retroilluminazione integrata è compromessa da un'impronta ecologica significativa.

I televisori OLED non hanno questo problema. La loro autoemissività fa sì che praticamente tutta la luce generata venga proiettata all'esterno della pila di film sottili, con conseguenti valutazioni di efficienza energetica comparabilmente migliori.

Cosa sarà meglio nel 2023 e oltre, i TV QLED o OLED?

Attualmente il confronto di qualità tra due Tv dalle caratteristiche simili vedel'OLED ancora in vantaggio.

E per il futuro? Oltre all'imminente TV QD-OLED, Samsung sta conducendo ricerche sui punti quantici a visione diretta, che eliminano gli strati di cristalli liquidi e utilizzano i punti quantici stessi come sorgente luminosa. I televisori QLED emissivi hanno il potenziale per eguagliare i livelli di nero assoluto e il rapporto di contrasto "infinito" degli OLED, con una migliore efficienza energetica, colori migliori e altro ancora. Si tratta di un risultato piuttosto entusiasmante, ma ci vorranno ancora alcuni anni prima di vedere i TV QLED emissivi in vendita.

E poi c'è MicroLED. Si tratta di un'altra tecnologia emissiva, ancora una volta guidata da Samsung, ma venduta anche da LG, che ora è in vendita per i super ricchi: gli esemplari più grandi costano più di 1 milione di euro. Come si può intuire dal nome, utilizza milioni di minuscoli LED come pixel. Il MicroLED può garantire gli stessi livelli di nero perfetti dell'OLED, senza il pericolo di burn-in. È in grado di offrire una luminosità superiore a qualsiasi altra tecnologia di visualizzazione attuale, colori ad ampio spettro e non soffre dei problemi di angolo di visione e uniformità degli LCD. È anche enorme. Non prevede l'uso di punti quantici, almeno non ancora, ma chissà cosa potrebbe accadere quando arriverà sul mercato.

Per ora, comunque, l'OLED domina la qualità dell'immagine rispetto al QLED.

Altri consigli e guide sui TV

Domande frequenti

L'OLED QLED è migliore del 4K?

Sulla carta il QLED è il migliore, in quanto offre una maggiore luminosità, una maggiore durata, schermi di dimensioni più grandi, prezzi più bassi e nessun rischio di burn-in. L'OLED, invece, ha un angolo di visione migliore, livelli di nero più profondi, consuma meno energia, è perfetto per i giochi e potrebbe essere migliore per la salute.

La qualità delle immagini di OLED o QLED è migliore?

L'OLED ha un contrasto e un livello di nero migliori: I televisori QLED/LCD, anche quelli migliori con il più efficace local dimming full-array, lasciano passare un po' di luce, il che porta a livelli di nero più slavati e grigi e a una fioritura intorno alle sezioni luminose.

Per le stanze luminose è meglio QLED o OLED?

I televisori QLED sono attualmente il tipo di display migliore per le stanze luminose, in quanto possono raggiungere i livelli di luminosità raccomandati per questo ambiente. È preferibile avere una luminosità di circa 1.500 nits per i display esposti alla luce diretta del sole in ambienti interni, mentre i QLED possono raggiungere i 2.000-4.000 nits.

Il QLED è dannoso?

Devo preoccuparmi di acquistare un televisore QLED? Quando si acquista un televisore QLED, non c'è motivo di preoccuparsi. I punti quantici non causano problemi a lungo termine e non affaticano gli occhi.

Commenti