Voceditalia Top la Voce d'Italia - nuova edizione anno V n.264 del 9/21/2014
Voceditalia Top
Voceditalia Top
Logo Voce d'Italia
Voceditalia Top
Cronaca
Foto Paolo VI aveva un amante

La relazione, intrecciata quando Montini era arcivescovo di Milano, prosegui' anche quando divenne Papa

Paolo VI aveva un amante

Era l'attore Paolo Carlini

Milano - Quando era arcivescovo di Milano, Giovanni Montini ebbe un'"affettuosa" relazione con un attore. E' una delle storie "nascoste" di Peccati scarlatti (Edizioni libreria Croce, Roma), l'ultimo romanzo dello scrittore sardo Biagio Arixi. Il futuro Paolo VI (Montini salì al soglio di Pietro il 21 luglio 1963) ebbe un'appassionata e sincera relazione con Paolo Carlini, intrecciata a Milano a metà degli anni '60, quando Pio XII nominò Montini arcivescovo di Milano al posto dello scomparso Alfredo Ildefonso Schuster. Il rapporto proseguì anche quando, alla morte di Pio XII, il conclave elesse papa, il 28 ottobre 1958, l'anziano patriarca di Venezia, Angelo Giuseppe Roncalli, il quale aveva grande stima di Montini (fra i due vi era una consolidata amicizia fin dal 1925), tanto da elevarlo alla porpora cardinalizia. L'attore romagnolo, secondo quanto ha ricordato alla Voce Arixi, gli avrebbe confessato di due tentativi di assassinarlo da parte dei servizi segreti italiani (il Presidente della Repubbica Giuseppe Saragat sarebbe stato a conoscenza della relazione clandestina).

Carlini cominciò la sua carriera d'attore nel cinema, a 18 anni, con una parte secondaria nel film Addio giovinezza! (1940) al quale seguirono una quarantina di pellicole, sempre in parti di non grande rilievo, tra le quali Vacanze romane (1953), La baia di Napoli (1960) e Don Camillo e i giovani d'oggi (1972). Quindi negli anni cinquanta passò al teatro, dove ottenne buone affermazioni. Ma la grande popolarità per Carlini arrivò nel 1957 con la televisione, grazie allo sceneggiato Il romanzo di un giovane povero, tratto dall'omonimo romanzo di Octave Feuillet e diretto da Silverio Blasi. Per quella sua interpretazione ottenne il "Microfono d’argento". Da allora prese parte a numerosi sceneggiati televisivi di successo, anche se in parti non sempre di primo piano.

La relazione segreta tra Paolo VI (nella foto) e Carlini è stata narrata dallo stesso attore - deceduto per le conseguenze di una trombosi il 3 novembre 1979, poco dopo la morte di Paolo VI, avvenuta il 6 agosto dell'anno precedente - ad Arixi, che ha voluto così rendere omaggio all'amico scomparso nel suo ultimo libro, presentato sabato alla libreria milanese Pier Pour Hom di Milano. Il romanzo è la fortunata prosecuzione di Figlio di vescovo, il libro-scandalo, giunto alla sesta edizione, che ha portato l'autore di Villasor alla ribalta negli anni '90, con 30 mila copie vendute sino ad oggi. Relazioni omosessuali tra alti prelati, sodomia, pedofilia, ma anche amore e passione sono alcune delle storie narrate nell'ultima opera dello scrittore sardo, che mimetizza la realtà tra le righe del romanzo. Ai lettori più accorti scorgervi i protagonisti degli scandali mai emersi della Curia romana.

Marco Marsili
30/11/2009








Commenti a questo articolo (9)


1.situazione più complicata
a dire il vero gli storici della chiesa più smaliziati (tra cui il Duffy, per altro convertito al cattolicesimo) affermano come lo scandalo fu sostanzialmente il fatto che Pio XII fece Montini arcivescovo di Milano per allontanarlo da Roma e nel contempo NON lo fece cardinale (cosa mai successa da secoli) proprio per impedirgli di partecipare al conclave, mentre da tutti era dato suo successore. Solo Giovanni XXIII rimediò a questa mancata nomina, al punto che si può dire che il pontificato di G XXIII fu dovuto proprio a questo "sgarbo" di Pio XII che per altro negli ultimi anni della sua vita a quanto pare aveva qualche problema maniacale. Quanto a Europork, l'eventuale scandalo non sta nel rapporto consenziente, ma nel fatto che si proclama il celibato e poi... si metta fine a questa ipocrisia e si affermi quel che dice Europork. Ovvero si porti alla luce del sole cio' che viene negato e impedito ipocritamente dalle attuali gerarchie. Alessandro VI non nascondeva la sua paternità, oggi sì.
(da antonio - 3/18/2011)     Segnala come inadeguato
2.Culo
Culo come molti vescovi. che coprono i preti che violentano i bambini (vedi recente caso Irlanda e Usa). Vergogna! In galera.
(da Luca - 12/19/2009)     Segnala come inadeguato
3.KOLRO AL KLERO!!!
BASTA COI PRETI PEDERASTI E PEDOFILI!!! FANNO TANTO I MORALISTI, POI SI VIENE A SCOPRIRE CHE UN PAPA ERA OMOSESSUALE E CHE AVEVA UNA RELAZIONE GAY!!! BASTA KLORO A KLERO E PIù CASE E MENO KIESE!!!
(da ANAR-KIKKO - 12/3/2009)     Segnala come inadeguato
4.solito perbenismo
e allora che significa..se i due erano adulti e consezienti dove sta lo scandal e perchè si deve evidenziare la cosa?In fondo anche i preti sono Umani ed hanno pulsioni emotive, sessuali, e chi più ne ha più e metta.Indipendentemente dalla carica sociale politica professionale che ricoprono.Sono defunti, amen.Forse a tutti questi Italiani sempre pronti ad evidenziare il sesso come di una cosa "che non si dice" sfugge il fatto che la sessualità, parliamo sempre in termini di adulti e consezienti, comunque sia, non deve interferire nel vivere quotidiano.Nel medioevo i Papi avevano relazioni con donne, avevano figli, e forse eraamo più avveduti allora che non oggi.Peccato non si sprechi più temp a parlare di cose reali, come del fatto che i brigatisti delle BR e gli assassini facciano quello che pare a loro.Saluti
(da europork - 12/1/2009)     Segnala come inadeguato
5.Per Luca
Vorrei pregare Luca di non fare azzardate confusioni, i "froci" non vanno coi bambini, ma con altri uomini adulti. Non facciamo la solita confusione tra omosessualita' e pedofilia.
(da Roberto - 12/1/2009)     Segnala come inadeguato
6.Reciprocità.
Per prudentissimo: d'accordo sui morti che non possono replicare, quindi a questa confessione si può anche non credere. Perciò non credo alle sparate di certi prelati fatte poco tempo addietro che per appropiarsi della figura di Gramsci adducevano una sua conversione al cattolicesimo in punto di morte.
(da Paolo - 11/30/2009)     Segnala come inadeguato
7.FANGHIGLIA
BASTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA .........
(da marta - 11/30/2009)     Segnala come inadeguato
8.Sodomia
Perchè, Boffo va bene, e un Papa no? Se Paolo VI era gay, perchè nasconderlo? E' pieno di preti froci, molti dei quali vanno con i bambini. Per non parlare di quelli che hanno figli (vedi il defunto fondatore della Militia Christi)
(da Luca - 11/30/2009)     Segnala come inadeguato
9.rimestatori
C'è gente che pur di incassare denari direbbe e farebbe qualsiasi cosa. Che schifo e che pena prendersela con i morti che non possono replicare! Prudentissimo
(da prudentissimo - 11/30/2009)     Segnala come inadeguato

Commenta questo articolo

Nome:
E-mail:
Titolo:
Commento:


Condizioni del servizio e Informativa
ex art. 13 Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 (Scaricala in PDF)
              Accetto - Non accetto       

Note:
-Si prega di inserire solo commenti riguardanti l'argomento dell'articolo.
-E' severamente vietato qualsiasi tipo di spam.





Youtube TVoce


«"La Voce d'Italia" Il 1° quotidiano indipendente online fondato e diretto da Marco Marsili. Vicedirettore Anna Belardi. Caporedattore centrale Daniele Orlandi. Responsabile TVoce Jonathan Minimo . Editore e proprietario: Elimar Srl, via Ponte Seveso 35, 20125 Milano (MI), Italy - CF/P. IVA 06355480960 - REA MI 1886850. Direzione, redazione e luogo di stampa: via Ponte Seveso 35, 20125 Milano (MI), Italy. Iscr. Tribunale di Milano n. 215 del 28.3.2006. Contatti: - Advertising: - tel. 0239620017-0287156229 fax 0270030075. Provider-distributore: Blueitech - Via Ticino, 30 Monza - data centre Via F. Testi, 7 Milano - REA Monza e Brianza 1735555. Anno VII Copyright © 2007/2014 Elimar Srl. Responsabile trattamento dei dati (D.Lgs. 196/2003): il direttore responsabile pro tempore. Tutti i diritti sono riservati sensi della normativa vigente (lda 633/41). La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo, di tutto il materiale originale contenuto in questo sito (tra cui, a titolo esemplificativo e non esaustivo, i testi, le immagini, le elaborazioni grafiche, i video) è espressamente vietata in assenza di autorizzazione scritta.